lunedì 27 giugno 2011

Torta ai limoni di Capri


Come sempre, dopo ogni vacanza, oltre ai bei ricordi, mi porto sempre via qualcosa di "gastronomico" che mi possa servire, tornando a casa, a rifare una bella ricetta che ho scoperto durante il viaggio.
Da questo viaggio ho portato dei bellissimi limoni, i limoni di Capri, e dell'ottimo miele, sempre di limone.
Per anni ho sentito parlare di "Torta Caprese", ne ho letto mille ricette, ma non ne avevo mai assaggiata una fetta.
In realtà mi sono sempre stupita che il dolce simbolo di un posto così solare e mediterraneo fosse un dolce al cioccolato,..non ce lo vedevo prima, e non mi ha appassionato ora. Ho assaggiato un'infinità di "capresi", al cioccolato ed  al limone, nelle pasticcerie e nei ristoranti, e sono sempre più convinta che quella che, a parere mio, è assolutamente più rappresentativa dell'isola, per colori, profumi, sapore, è  la versione bianca ,alle mandorle e limone.
Sarà stato il caldo, ma l'ho trovata decisamente più fresca!


Questa mia ricetta non la chiamerò "caprese", perchè, in realtà, come faccio spesso, ho fatto delle modifiche, anzi, della ricetta originale conosco solo gli ingredienti e comunque ho deciso di alleggerirla ulteriormente e di far prevalere nettamente il gusto di questi favolosi e profumatissimi limoni sacrificando l'uso della cioccolata bianca..Ho recuperato però le calorie perdute farcendola di una freschissima crema al limone.





Ingredienti:

base torta:

4 uova intere a temperatura ambiente
170 gr di zucchero
50 gr di fecola
50 gr di farina
100 gr di farina di mandorle
25 ml di panna fresca
succo di un limone
scorza fine di 2 limoni
2-3 gocce di olio essenziale di limone
limoncello o sciroppo di limone ottenuto con acqua zucchero e succo di limone


Montare benissimo ed a lungo le uova intere con lo zucchero per ottenere un impasto spumoso e gonfio.
Unire delicatamente fecola e farina setacciate mescolando dal basso verso l'alto. Aggiungere, altrettanto delicatamente, il succo del limone, la scorza, la panna e l'aroma.Versare in tortiera imburrata ed infarinata da 24 cm di diametro ed infornare per 30 minuti circa a 180°C.
Quando è ben fredda, tagliare la base in due, bagnare appena con sciroppo di limone o poco limoncello diluito con poca acqua e farcire con crema al limone.

Crema al limone:
120 gr di zucchero
120 ml di succo di limone filtrato
20 gr di maizena
1 cucchiaio di miele al limone
2 tuorli
175 ml di panna fresca

Mettere sul fuoco il succo di limone filtrato con lo zucchero,il miele e la maizena, far raddensare mescolando velocemente. Appena intiepidisce unire i tuorli e mescolare.
Far raffreddare perfettamente.
Montare la panna ben soda, aggiungerci qualche cucchiaiata di crema al limone e poco alla volta unire i due composti amalgamando bene aiutandosi con una frusta a mano.  Si deve ottenere una crema liscia e gonfia.
Farcire la torta e far raffreddare bene in frigo.
Servire con una spolverata di zucchero a velo e di scorza di limone.




sabato 25 giugno 2011

Crostatina ai frutti estivi

Ingredienti: (per 6 crostatine circa)
per la base:
120 gr di burro salato
120 gr di zucchero
3 tuorli
170 gr di farina 00
5 gr di lievito
Mescolare bene burro e zucchero,aggiungere i tuorli uno a uno ed infine la farina ed il lievito setacciati.Impastare velocemente,ottenere un panetto che dovrà riposare almeno 2 ore in frigorifero.
per la crema leggera alla vaniglia:
200 ml di panna fresca montata
120 gr di crema pasticcera
Unire delicatamente panna e crema ben raffreddata fino ad ottenere una chantilly ben liscia e spumosa.
per la crema pasticcera:
1 tuorlo
40 gr di zucchero
15 gr di amido di mais o farina
125 ml di latte
vaniglia bacche
Scaldare il latte e versarne un poco sul tuorlo ben amalgamato a zucchero,farina setacciata e vaniglia.Unire il tutto al latte rimanente e portare a bollore fino a rassodamento.Far raffreddare bene con pellicola a contatto.

Foderare degli stampini antiaderenti di frolla spessa quasi un centimetro.cuocere per 30 minuti circa per 160°C.Farcire con la crema leggera aiutandosi con sac a poche e guarnire con frutta fresca di stagione "brinata" con poco zucchero semolato.

venerdì 17 giugno 2011

Torta di ciliegie


Mi da' sempre tanta soddisfazione raccogliere le ciliegie dall'albero..mi sembrano sempre più buone, più preziose, tanto che non resisto mai dal fare un po' di confettura..è una faticaccia, considerato che bisogna snocciolarle una ad una, magari senza attrezzi che ti facilitino il compito..e per poi ritrovarmi con solo qualche piccolo vasetto...Per fortuna però c'è la mia amica Antonella che mi da' soddisfazione, e  che ogni tanto si affaccia al blog per proporre qualche buona torta..come quella che ha fatto oggi, appunto, con la confettura di ciliegie!

Ingredienti:

per la frolla
120 gr di burro
120 gr di zucchero di canna
120 gr di farina di mandorle
200 gr di farina autolievitante
1 uovo intero
qualche goccia di essenza di mandorle
confettura di ciliegie
1 uovo, 1 cucchiaio di latte ed 1 cucchiaio di zucchero semolato

Impastare velocemente gli ingredienti come per una normale frolla, fare un panetto e far riposare in frigo almeno 2 ore. Stendere la pasta di 1 centimetro circa, foderare la teglia, stendere abbondante confettura e ricoprire con un altro strato di pasta.Spennellare la superficie di uovo sbattuto e zucchero. Cuocere a 160° per 30 minuti circa. Servire tiepida con un po' di panna montata e qualche ciliegia.

martedì 14 giugno 2011

Crema fresca al latte di mandorla


Un anno fa in questi giorni ero in vacanza in Sicilia...che profumi,che colori e che sapori!..con questa ricetta ho voluto risentire il profumo degli agrumi,del miele ed il sapore squisito delle mandorle..mi piaceva l'idea di un budino,di una bavarese,ma non amo tanto la consistenza gelatinosa nei dolci,ed ho quindi preferito provare a fare una crema morbida,dolce e profumata ma leggera,senza uova e senza addensanti se non un po' di amido di mais..ecco qua:

Ingredienti: (per quattro porzioni)

200 ml di panna
200 ml di acqua
50 gr di mandorle di Avola
50 gr di zucchero a velo
20 gr di maizena
1 cucchiaino di miele
1 goccia di estratto di mandorla od un cucchiaio di liquore alla mandorla
qualche buccia di limone e qualche mandorla caramellate

Tritare finissimo mandorle e zucchero a velo,unire estratto o liquore e sciogliere il tutto nella dose d'acqua tiepida.Lasciar riposare per mezzora.In una casseruola mettere la maizena setacciata e versarci sopra il latte di mandorla fatto precedentemante, filtrato,mescolando bene per sciogliere gli eventuali grumi.Unire la panna fresca liquida,il miele e cuocere a fuoco basso fino a raddensamento. Una volta intiepidita versare la crema in quattro bicchieri e decorare con sottili bucce di limone e qualche mandorla caramellati.Servire ben fresca,magari accompagnata da qualche biscottino..












domenica 12 giugno 2011

Trancetti al gianduia


Questi trancetti sono perfetti per la merenda o anche per la prima colazione,sono adatti ad essere farciti in tanti modi,con panna e cioccolato gianduia come in questo caso,ma anche con sola panna,con crema alla nutella o semplicemente con un velo di confettura,magari di ciliegie o di fragole. 
La base è un sofficissimo pan di spagna che trovate qui e da cui si ottengono una trentina di merendine.
Quando il pan di spagna si è raffeddato,tagliarlo in due e farcirlo con

 crema al gianduia:

150 gr di cioccolato gianduia (o anche al latte)
2 cucchiai di panna fresca liquida
Sciogliere a bagnomaria panna e cioccolato,appena il tutto è ben amalgamato,stenderlo in uno strato sottile sul pan di spagna

e con 

200 ml di panna fresca 
1 cucchiaio di zucchero a velo
Montare benissimo la panna fresca con lo zucchero e stendere sopra alla crema gianduia raffreddata.




giovedì 9 giugno 2011

Confetture di albicocche e di fragole


Ogni anno ormai è un appuntamento fisso..quando i fruttivendoli di La 3A di Garbagna cominciano a propormi cassette intere di bellissima frutta matura a prezzi stracciati,capisco che è ora di iniziare a produrre..

Confettura di albicocche

500 gr di zucchero per ogni kg di albicocche denocciolate
una puntina di cannella
pectina in giusta proporzione(facoltativa)

Tagliare a piccoli pezzi la frutta lavata e denocciolata,aggiungere lo zucchero e la pectina mescolati insieme e la cannella.Cuocere fino a che,mettendone una piccola quantità su un piattino freddo, ne constatiamo la giusta densità.Invasare la confettura calda e procedere con il metodo scelto di sterilizzazione.

I vari tipi di frutta hanno diverse percentuali di pectina e grado di acidità; le albicocche ad esempio,come le fragole sono abbastanza acide ma povere di pectina. Nulla vieta di fare la confettura senza pectina,ma i tempi di cottura,soprattutto se la quantità dello zucchero non è pari al peso della frutta,sono molto più lunghi,a scapito del profumo e del colore della frutta stessa.Esistono in commercio preparati "bio" a base di pectina o addirittura la si può fare in casa, facendo cuocere a fuoco basso per mezz'ora buccia e torsoli di mele (preferibilmente acerbe) in poca acqua e succo di limone(che agisce come correttore di acidità).Questo "concentrato"di pectina deve poi essere filtrato benissimo prima di essere aggiunto alla confettura.

Confettura di fragole:

300 gr di zucchero per ogni kg di fragole (ottime e dolcissime la qualità di "Tortona")
300 gr di fragoline di bosco per ogni kg di fragole
pectina (facoltativa) in giusta proporzione

Tagliare in due le fragole pulite,unirci le fragoline e lo zucchero mescolato con la pectina.Cuocere fino a raddensamento,invasare la confettura calda e sterilizzare. 

martedì 7 giugno 2011

Tortine "margherita"

La Torta margherita è un grande classico della pasticceria,è un impasto semplice e ricco allo stesso tempo, adattissimo per colazioni e merende.
Di ricette ce ne sono tante ,ma come spesso capita per le cose più semplici,trovare la ricetta "giusta" non è poi così facile..io ne ho provate parecchie e finalmente posso dire di aver trovato quella che fa per me.
Approfittando delle uova freschissime della fornitrice ufficiale di famiglia,la "signora Giuliana",ho fatto questa versione decorata di "margherite" monoporzioni con l'ottima ricetta di "Torta margherita"di Paola Lazzari..

Ingredienti:
200 gr di zucchero superfino
5 tuorli
3 uova intere
125 gr di farina
100 gr di fecola
100gr di burro fuso chiarificato
1 goccia di miele
vaniglia
1 cucchiaio scarso di lievito (facoltativo)

Montare le uova e i tuorli,aggiungere gradatamente lo zucchero e il miele e continuare a montare. La montata dovrà essere molto soda.Unire a mano le farine setacciate,delicatamente,senza smontare il composto,poi gli aromi ed infine il burro tiepido,lentamente. Versare il composto in una teglia di 22-24 cm di diametro o in pirottini per cupcakes (ne vengono circa una dozzina) e cuocere per circa 45 minuti a 180°C.
Decorare con marzapane ottenuto impastando ugual quantità di zucchero velo e farina di mandorle ,qualche cucchiaino di acqua e poche gocce sia di essenza di mandorla amara che di colorante verde.
Modellare con apposito stampino una margherita di pasta di zucchero e rifinire i bordi con piccoli ciuffetti di crema al burro alla fragola ottenuta montando zucchero a velo in quantità doppia di burro a pomata e qualche fragola matura passata al mixer. 



domenica 5 giugno 2011

Crostata morbida alle pesche,pistacchio e cioccolato


Ecco una nuova torta di Antonella,che ogni tanto condivide con me questo spazio "dolce"...

Ingredienti:
Frolla morbida:
250 gr di farina oo
150 gr di burro mordido
1 uovo intero
100 gr di zucchero
mezza bustina di lievito (oppure usare 250 gr di farina autolievitante)
1 goccia di estratto naturale di vaniglia
1 pizzico di sale
Impastare velocemente gli ingredienti,fare un panetto e lasciare riposare in frigo.

Crema al pistacchio:
100 gr di pistacchi
100 gr di zucchero a velo
100 gr di burro a crema
30 gr di farina di mandorle
1 uovo sbattuto
Tritare i pistacchi con lo zucchero.Montare il burro,aggiungere il trito di pistacchi e zucchero,la farina di mandorle e,a poco a poco,l'uovo sbattuto.

Stendere la frolla in una teglia imburrata,versarvi sopra la crema di pistacchi e spolverizzare con 70 gr di cioccolato fondente in scaglie.Decorare con fettine sottili di pesche,guarnire con scaglie di mandorle e 2 cucchiai di zucchero di canna.Cuocere a 160°C per 30 minuti circa.


giovedì 2 giugno 2011

Meringhe "Morena"

Quando ho visto questi dolcetti mi sono piaciuti subito,così delicati nei colori e nella semplicità..l'idea è di Morena Miller Benedetti,del forum di Cucina Italiana,che ritrovandosi con qualche meringa e qualche biscotto di frolla al cioccolato ha deciso di realizzare,aiutandosi con un po' di crema al burro alla fragola,questi "dolcissimi" pasticcini!..ed io l'ho copiata..