giovedì 25 novembre 2010

Baci di dama


I baci di dama sono dolcetti tipici del Basso Piemonte, di quella zona ricca di noccioleti che produce la miglior nocciola italiana, la qualità tonda gentile delle Langhe.
Farli in casa da’ tantissima soddisfazione, ci vuole poco e con pochi accorgimenti, si possono fare “baci” squisiti, che non hanno nulla da invidiare a quelli delle migliori pasticcerie.
la ricetta classica prevede pari peso di tutti gli ingredienti, secondo me sono troppo dolci ed ho diminuito un po' lo zucchero. 

Ingredienti

200 g di nocciole tostate 
170 g di zucchero semolato
200 g di burro
200 g di farina debole 0 o 00
150 gr di cioccolato fondente

Procedimento


Mettere le nocciole tostate mezzora in freezer. Tritarle finemente con un mixer, insieme ad un cucchiaio dello zucchero previsto.
Portare il burro, preferibilmente di marca tedesca o francese (più plastici), a temperatura ambiente. Mescolarlo con lo zucchero rimanente, unire le nocciole tritate e per ultimo unire la farina setacciata. Impastare brevemente in modo da ottenere una massa omogenea. Porre in frigo a rassodare per un'ora circa.
Modellare delle palline grandi come una nocciola, disporle in una teglia rivestita di carta forno e riporre nuovamente in frigo, per almeno mezzora, o dieci minuti in freezer.
Infornare a 130°C per 20-25 minuti circa. Far raffreddare prima di staccare i baci.
Sciogliere il cioccolato a bagnomaria, (o se lo si sa fare, lo si tempera)  si fa leggermente raffreddare e si farciscono a due a due i gusci. I baci ottenuti si conservano ben protetti dall’umidità; se si vuole si possono anche avvolgere uno ad uno in un pezzetto di carta stagnola, tipo cioccolatini.